Attribuzione delle caselle agli studenti

A seguito della sempre più diffusa trasmissione di documenti attraverso posta elettronica recepita anche con la direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 27 novembre 2003 il CSI attribuisce al personale docente, tecnico amministrativo e agli studenti un indirizzo di posta elettronica.

Sulla scorta di quanto esposto innanzi, è stato quindi assegnato in maniera automatizzata a ciascuno studente iscritto un indirizzo  di posta elettronica, codificato secondo la seguente regola:

 

iniziale nome.cognome@studenti.unina.it

 

Tali credenziali consentiranno l'accesso al sistema di posta elettronica (attivazione e configurazione mail).

Per la gestione delle omonimie, si è provveduto a seguire il criterio che disciplina l'attribuzione dello standard, allo studente con maggiore anzianità, quantificabile presumibilmente attraverso il numero di matricola minore, e all'altro nominativo lo standard  seguito da una ulteriore lettera del proprio nome,  ad esempio per  più di uno studente di nome Tizio Caio verranno attribuiti i seguenti indirizzi di posta:

 

1)  t.caio@studenti.unina.it

2) ti.caio@studenti.unina.it

 

e cosi via sino al completamento delle lettere formanti il nome dello studente tizio.caio@studenti.unina.it. Qualora vi fossero ulteriori omonimie si procederà ad aggiungere al nome di battesimo un numero, quindi si otterrà:

 

nome#.cognome.studenti.unina.it

 

Formato delle e-mail

Una e-mail deve contenere almeno l'indirizzo di posta di destinazione e l'indirizzo del mittente che devono essere nel formato user@destinazione. Una mail, inoltre, contiene altre informazioni:

Queste informazioni (tranne il destinatario, il Return Path e i dati del mail) vengono stabilite dal programma di spedizione.
Tutti i campi, tranne i dati, vengono comunemente detti header della mail.

Norme di buon uso dei servizi di rete

Fra gli utenti dei servizi telematici di rete, prima fra tutte la rete Internet, si sono sviluppati nel corso del tempo una serie di "tradizioni" e di "principi di buon comportamento" (galateo) che vanno collettivamente sotto il nome di "netiquette" (network etiquette). Tenendo ben a mente che l'entità che fornisce l'accesso ai servizi di rete (provider, istituzione pubblica, datore di lavoro, etc.) può regolamentare in modo ancora più preciso i doveri dei propri utenti, riportiamo in questo documento un breve sunto dei principi fondamentali della "netiquette", a cui tutti sono tenuti ad adeguarsi.

Quando si arriva in un nuovo newsgroup o in una nuova lista di distribuzione via posta elettronica, è bene leggere i messaggi che vi circolano per almeno due settimane prima di inviare propri messaggi in giro per il mondo: in tale modo ci si rende conto dell'argomento e del metodo con cui lo si tratta in tale comunità.

Se si manda un messaggio, è bene che esso sia sintetico e descriva in modo chiaro e diretto il problema. Specificare sempre, in modo breve e significativo, l'oggetto (campo "Subject") del testo incluso nella mail. Se si utilizza un "signature file", mantenerlo breve e significativo.

Non divagare rispetto all'argomento del newsgroup o della lista di distribuzione via posta elettronica.

Evitare, quanto più possibile, broadcast del proprio messaggio verso molte mailing list (o newsgroups). Nella stragrande maggioranza dei casi esiste una ed una sola mailing list che costituisce il destinatario corretto, e che include tutti e soli gli utenti che sono effettivamente interessati.

Se si risponde ad un messaggio, evidenziare i passaggi rilevanti del messaggio originario, allo scopo di facilitare la comprensione da parte di coloro che non lo hanno letto, ma non riportare mai sistematicamente l'intero messaggio originale, se non quando sia necessario.

Non condurre "guerre di opinione" sulla rete a colpi di messaggi e contromessaggi: se ci sono diatribe personali, è meglio risolverle via posta elettronica in corrispondenza privata tra gli interessati.

Non pubblicare mai, senza l'esplicito permesso dell'autore, il contenuto di messaggi di posta elettronica.

Non pubblicare messaggi stupidi o che semplicemente prendono le parti dell'uno o dell'altro fra i contendenti in una discussione. Leggere sempre le FAQ (Frequently Asked Questions) relative all'argomento trattato prima di inviare nuove domande.

Non inviare tramite posta elettronica messaggi pubblicitari o comunicazioni che non siano state sollecitate in modo esplicito.

Non essere intolleranti con chi commette errori sintattici o grammaticali. Chi scrive, è comunque tenuto a migliorare il proprio linguaggio in modo da risultare comprensibile alla collettività.

Alle regole precedenti, vanno aggiunti altri criteri che derivano direttamente dal buon senso.

La rete è utilizzata come strumento di lavoro da molti degli utenti. Nessuno di costoro ha tempo per leggere messaggi inutili o frivoli o di carattere personale, e dunque non di interesse generale.

Qualunque attività che appesantisca il traffico o i servizi sulla rete, quali per esempio il trasferimento di archivi voluminosi o l'invio di messaggi di posta elettronica contenenti grossi allegati ad un gran numero di destinatari, deteriora il rendimento complessivo della rete. Si raccomanda pertanto di effettuare queste operazioni in modo da ridurre il più possibile l'impatto sulla rete.

In particolare si raccomanda di:

Vi sono sulla rete una serie di siti server (file server) che contengono, in copia aggiornata, documentazione, software ed altri oggetti disponibili sulla rete. Informatevi preventivamente su quale sia il nodo server più accessibile per voi. Se un file è disponibile su di esso o localmente, non vi è alcuna ragione per prenderlo dalla rete, impegnando inutilmente la linea e impiegando un tempo sicuramente maggiore per il trasferimento.

Il software reperibile sulla rete può essere coperto da brevetti e/o vincoli di utilizzo di varia natura. Leggere sempre attentamente la documentazione di accompagnamento prima di utilizzarlo, modificarlo o re-distribuirlo in qualunque modo e sotto qualunque forma.

Comportamenti palesemente scorretti da parte di un utente, quali: